L’odierna civiltà si basa sull’utilizzo delle nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione per creare rapporti interpersonali. Anche nel processo di produzione di beni e servizi, delle transazioni e dell’economia si utilizza la rete per diffondere per aumentare la competitività dei diversi sistemi e migliorare qualitativamente la vita dei cittadini.

Il quadro delle competenze-chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione europea (Raccomandazione del 18 dicembre 2006-all) vede la competenza digitale come una delle competenze chiavi e deve configurarsi come elemento centrale per costruire la cittadinanza”.

Un primo passaggio fondamentale, perché questo accada, è l’acquisizione della consapevolezza, da parte di docenti, genitori e discenti dell’evoluzione del concetto di cittadinanza in cittadinanza digitale, della necessità di essere competenti per poter esercitare attivamente la cittadinanza. Al contempo la necessità di essere formati ad agire le competenze, in modo integrato e complementare, tanto nella dimensione analogica che in quella digitale. Essere cittadini attivi, “partecipare” richiede il possesso di competenze connesse alle tecnologie.

La cittadinanza si è allargata ed amplificata “nel” ed “attraverso” il digitale e la Rete. Parlare oggi di cittadinanza deve voler dire, in modo automatico, far riferimento anche alla dimensione digitale.

Seguono doc di approfondimento

digcomp_Ferrari_Troia

RACCOMANDAZIONE 18 Dic 2006 Appr permanente

CITT DIGITALE DOC PDF 04_03