Il tuo carrello è vuoto!
Vedi Carrello Checkout
Subtotale Carrello: 0,00

tia formazione docenti

Elena Beltramo

La Dott.ssa Elena Beltramo è Counselor Supervisor, Armonizzatrice Familiare, Psicologa, Ricercatrice della Spiritualità e dell’Anima, Presidente del Comitato Scientifico S.I.A.F. Piemonte e Autrice. Da più di 25 anni pratica e insegna TECNICHE PSICO-MOTIVAZIONALI nel campo della comunicazione, del benessere e della salute.
Ricercatrice della Psiche Umana e del Trascendentale, ha studiato e applicato molte discipline e tecniche COME MEZZO ATTRAVERSO IL QUALE È POSSIBILE CONOSCERE, AMARE E CURARE SE STESSI, fino a creare delle sue proprie metodologie di lavoro: il Brain Positive Program ©; Life Positive Program ©; Coccolaterapia ©; Meta Massaggio ©; Energia Evolutiva ©.
Il suo obiettivo è da sempre quello di elevare la persona alla massima conoscenza e amore per se stessa per esaltarne l’autostima, le qualità, i talenti, il vigore e la salute, permettendo ad ognuno di vivere un NUOVO BENESSERE EMOZIONALE ricco di gioia, eliminando stati d’animo improduttivi come paure, credenze negative, rancori, sensi di colpa, stati d’ansia, bisogni primari e dipendenze di ogni genere.
La sua massima è “Insieme per vivere meglio” perché crede che l’unione di anime sia il principio della gioia e dell’evoluzione, per sempre ed in ogni dimensione.

tia formazione docenti

Andrea Benvenuti

Giornalista e social media manager.
Lavora al quotidiano Conquiste del Lavoro. Esperto di uffici stampa, fa parte del Team Social Media Cisl.
Da anni segue gli sviluppi e l’applicazione dei new media per la comunicazione. È specializzato nella formazione e promozione delle tecniche di networking per il social branding.
È coautore del libro Combook. Twitter, Facebook, Youtube, LinkedIn… Come comunicare con i social network e autore diNetwork! Dai social alla rete digitale.
Da giugno 2010 è vice-direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, dove è stato responsabile della comunicazione e ora dirige il settore di analisi politica.

tia formazione eventi

Beatrice Briguglio

Beatrice Briguglio svolge la professione di europrogettista, esperta in bandi europei a chiamata diretta, programmi d’iniziativa comunitaria e fondi strutturali.
Prima di approcciarsi alla progettazione europea, ha seguito un percorso di studi e specializzazione improntato alla conoscenza del meccanismo di funzionamento delle istituzioni europee.
Dopo il conseguimento della laurea in Scienze politiche, ha vinto una borsa di studio per il corso internazionale European Master’s Degree in Storia e comparazione delle istituzioni politiche e giuridiche dei paesi dell’Europa mediterranea.
Il titolo di Master di secondo livello è stato conferito congiuntamente dall’Università di Messina, Università di Milano, Universidad de Córdoba e Universidad Autónoma de Madrid.
È stata selezionata per lo svolgimento di un tirocinio MAE (Ministero degli Affari Esteri) – Fondazione CRUI alla Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione Europea a Bruxelles e Strasburgo, dove si è occupata di relazioni con il Parlamento europeo, questioni istituzionali e commissione d’inchiesta.
Nel 2009 ha frequentato il master in Progettazione Comunitaria, Fondi Strutturali e Relazioni pubbliche europee presso l’Istituto per il commercio Estero (ICE) di Bruxelles. Al termine del master ha svolto lo stage presso la CNA (Confederazione nazionale della Piccola e Media Impresa) – Sede di Bruxelles, durante il quale si è occupata di progettazione europea, lobbyng, relazioni con le istituzioni dell’Unione europea, dialogo sociale per le PMI presso il Comitato Economico e Sociale (BXL).
Dal febbraio 2009 ad oggi svolge la sua attività di consulente nell’ambito dell’europrogettazione, ideazione, redazione, gestione e rendicontazione di progetti comunitari per numerosi enti pubblici e privati.
Nel corso della sua esperienza professionale ha acquisito le qualifiche, le conoscenze, gli strumenti analitici e pratici relativi ai programmi europei e alle politiche europee, l’abilità di costruire partenariati e di promuovere la progettazione partecipata di tutti gli attori coinvolti nelle attività progettuali.
L’esperienza, consolidata negli anni, le ha permesso di lavorare e sviluppare, altresì, numerosissimi progetti nell’ambito del programma europeo rivolto alla gioventù Gioventù in Azione e, per la programmazione in corso 2014-2020, di approfondire, sviluppare e vedere approvati progetti nell’ambito del programma di mobilità e apprendimento formale e non formale Erasmus+ nelle sue azioni chiave principali.
Parla fluentemente inglese, francese e spagnolo.
Il suo lavoro la porta a relazionarsi continuamente in un ambiente internazionale poiché la sua attività viene espletata in Italia e contestualmente all’estero, dove si reca sovente per coordinare e partecipare a progetti europei promossi all’interno di vari programmi comunitari.
Nel luglio del 2014 ha frequentato la Summer School in Cooperazione allo Sviluppo, promossa dalla Camera di Commercio Belgo-Italiana a Bruxelles dove ha approfondito i finanziamenti relativi alla cooperazione allo sviluppo e i principali programmi comunitari in tale ambito.

Annamaria Cacchione

Docente universitario, esperto di progettazione e valutazione europee, Dottore di ricerca di Linguistica e Didattica dell’italiano a stranieri. Insegna presso il dipartimento di Filologia italiana dell’Università Complutense di Madrid.
Da oltre 10 anni si occupa di progettazione europea nell’ambito del programma Lifelong Learning/Erasmus+ e EuropeAid. Dal 2014 è esperto indipendente della Commissione Europea per il programma Horizon2020 e valutatore Erasmus+ per l’istruzione superiore.
I settori in cui ha lavorato maggiormente sono quello dell’istruzione superiore, della formazione professionale e dell’educazione degli adulti. Nell’ambito dell’educazione degli adulti ha lavorato all’alfabetizzazione digitale degli anziani (Grundtvig), all’integrazione linguistico-culturale dei migranti (progetti FEI) e alla formazione degli insegnanti dei CTP con progetti finanziati da fondi nazionali.
Negli ultimi due anni si è occupata di interventi di empowerment e potenziamento dell’occupabilità di adulti disoccupati di lunga durata attraverso l’organizzazione di Job Club, attualmente inclusi in due progetti europei.

Adriana Calì

Adriana Calì ha una laurea in Scienze Naturali conseguita presso l’Università di Roma “La Sapienza” e un dottorato di ricerca presso l’Istituto per lo Studio e la Conservazione del Suolo di Firenze.
Dal 2003 lavora presso Lazio Innova, società in house della Regione Lazio, nello staff “Fondi ESI (European Structural and Investment Funds) e Assistenza tecnica”, gruppo formato per sostenere e assistere l’Autorità di Gestione regionale nella attuazione del Programma POR FESR LAZIO.
Nel 2008 ha ottenuto un Master in progettazione e sviluppo di database.
Nel 2012 ha ottenuto dall’EIPA (European Institute of Public Administration) un attestato di formazione professionale sull’argomento “Project Cycle Management – Come si fa a scrivere e gestire un progetto”.
Ha preso parte alla redazione del nuovo programma del POR FESR LAZIO 2014-2020 e collaborato alla preparazione di documenti rilevanti per la governance del Programma Operativo (organizzazione della struttura di gestione e di controllo, manuale delle procedure, check list di controllo amministrativo – documentali e controlli a campione, etc.).
Dal 2013 ha il ruolo di referente operativo del centro “EUROPE DIRECT LAZIO”, sportello di informazione della Commissione Europea per diffondere le politiche e le opportunità in Europa per cittadini, giovani, imprese.
Si occupa personalmente di: sensibilizzare e promuovere una cittadinanza partecipativa, mediante vari mezzi di comunicazione (social media e della pagina web dedicati allo EUROPE DIRECT LAZIO); informare i cittadini europei a livello locale e regionale circa le iniziative e le varie opportunità offerte dalla Commissione europea mediante l’organizzazione di seminari e manifestazioni su tutto il territorio regionale; produrre pubblicazioni annuali inerenti le attività svolte dallo EUROPE DIRECT in partenariato con altri sportelli europei (EEN, EDIC ROMA).
Pubblicazioni: ha prodotto una serie di pubblicazioni (18), soprattutto legate ai primi anni di attività lavorativa, di articoli informativi su stampa locale e internazionale, riviste nazionali (con referee), monografie, manifesti.
Attività recenti: collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione e del Parlamento europei per l’organizzazione di iniziative ed eventi che coinvolgono un vasto pubblico (in particolare nel 2016 saranno previsti eventi collegati al Giubileo e al Dialogo interreligioso).
Seminari ad hoc rivolti a Direttori e operatori culturali del Sistema Museale del Lazio (su iniziativa dell’Area Servizi Culturali, Promozione della lettura e Osservatorio della cultura). Collaborazione diretta con alcuni gruppi parlamentari europei per attività di informazione sui fondi a finanza diretta. Collaborazione con il Dipartimento delle Politiche europee della Presidenza del Consiglio (preparazione nel 2016 di una Mostra itinerante in Italia, con tappa a Roma, dedicata alla storia dell’Unione europea).

Ines Caloisi

Laurea in Lingue e letterature straniere, Master di secondo livello in Educazione alla pace e politiche unione europea e in Geopolitica. Formatrice, progettista. Ideatrice iniziative politico-culturali. Esperta di tematiche europee.
Responsabile progetti, fondatrice e presidente dell’Associazione TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE, ne coordina le attività e i temi di approfondimento.
Percorso formativo in studi europei ed internazionali. Esperienze in multinazionali e piccole e medie imprese.
Innovazione, promozione della leadership, cambiamento e crescita personale, mentoring al centro dei suoi obiettivi personali e professionali.
Visione strategica e competenze in start-up organizzazioni. Candidata alle elezioni europee 2014. Mentore della Cherie Blair Foundation. Partecipe di molte reti imprenditoriali transnazionali. Competenze in comunicazione pubblica e relazioni internazionali. Autrice e coautrice di e-book e libri.ma, dedicata alla storia dell’Unione europea).

Silvia Candida

Nata a Roma, diventata cittadina europea viaggiando per studio tra Italia e Germania –dove ha fatto esperienza di coliving e ride sharing prima dell’era delle app e della connettività ubiqua– si è formata professionalmente come traduttrice e membro di NTL, la prima cooperativa italiana di traduttori.
Successivamente è passata al lavoro di redazione in ambito sociale e sindacale e da oltre 10 anni lavora nell’ufficio comunicazione e studi della Cisl Funzione pubblica, per cui approfondisce in particolare i temi legati alle politiche europee, alla strategia Europa2020 e all’innovazione sociale in relazione alla trasformazione dei servizi pubblici.
Dal 2013 è membro attivo di OuiShare, un network internazionale di ricercatori, sperimentatori, imprenditori e attivisti uniti dall’interesse per la sharing economy e l’innovazione collaborativa in generale.
Svolge attività di community building sia on- che offline, ha curato la versione italiana del “Collaborative Territories Toolkit” nell’ambito del progetto internazionale “Sharitories” sui modelli collaborativi come risorsa per lo sviluppo locale e nel corso del 2016 ha portato l’esperienza di OuiShare al primo Festival della sharing economy di Ferrara e ai Colloqui di Martina Franca.
Si interessa in particolare agli aspetti del ‘fenomeno sharing’ legati alla trasformazione del lavoro e alla creazione di forme di economia locale inclusiva.

Beatrice Curci

Beatrice Curci, giornalista professionista.
Dal 2012 direttrice dell’Associazione Stampa Romana.
Ha collaborato con “La Repubblica”, “Il Fatto Quotidiano”, “Agorà” (Rai Tre), “La Grande Storia” (Rai Tre).
Da oltre 15 anni si occupa di uffici stampa.
Ha lavorato come capo ufficio stampa per il Consiglio regionale del Lazio e per il Parlamento europeo.
È stata direttrice della testata telematica “NewsItalia”.
Insegna discipline legate alla comunicazione e al giornalismo presso l’Università “La Sapienza” di Roma, l’Università degli studi “Roma Tre” e la “Scuola di Giornalismo” della Lumsa.

Carlo Fusi

Carlo Fusi, giornalista parlamentare per quasi trent’anni.
È stato editorialista del “Messaggero” e titolare della rubrica di analisi politica “Il Mosaico”.
Per conto del quotidiano romano ha seguito i principali avvenimenti interni ed internazionali.
Più volte inviato negli Stati Uniti dopo l’attentato dell’11 settembre 2001.
Da maggio ha lasciato il quotidiano per diventare responsabile della comunicazione di Corrado Passera e del suo movimento Italia Unica.

Giampiero Gramaglia

Giampiero Gramaglia, giornalista. Ha lavorato alla Provincia Pavese, alla Gazzetta del Popolo e, dal 1980, per trent’anni all’ANSA, di cui è stato corrispondente da Bruxelles, Parigi, Washington e, infine, direttore dal 2006 al 2009. Successivamente, ha diretto a Bruxelles l’Agence Europe, poi a Roma EurActiv.it, portale d’informazione europea, e infine è stato vice-direttore de La Presse. Autore di libri, collabora con diversi media, è editorialista de Il Fatto Quotidiano e tiene corsi alla Sapienza e alla scuola di giornalismo di Urbino. È fra l’altro consigliere per la comunicazione dello IAI e segretario generale dell’EPC.

Anna Lodeserto

Anna Lodeserto (1979).
Laureatasi in Scienze Internazionali e Diplomatiche con specializzazione in Politiche dello Sviluppo e Paesi extra-europei (Africa, America Latina e Medio Oriente) presso il Campus internazionale “Roberto Ruffilli” – distaccamento con sede a Forlì dell’Università degli Studi di Bologna, e conseguito un master universitario di secondo livello in “Peacekeeping and Security Studies – La gestione civile e militare delle crisi in ambito europeo e internazionale”, Anna Lodeserto si è occupata di contrasto alla criminalità organizzata transnazionale al fianco delle coalizioni della società civile attive in tutta Europa per poi sviluppare il livello di partecipazione dei cittadini nei processi decisionali.
Negli ultimi anni le sue attività, prevalentemente nell’ambito del coordinamento di campagne sociali attraverso lo strumento dell’iniziativa dei cittadini europei (ICE) sin dalla sua introduzione attraverso il Trattato di Lisbona (2012), si sono focalizzate sulla libertà di espressione e informazione lavorando al fianco di giornalisti e associazioni a tutela del delicato rapporto tra media e immigrazione, dalle attività condotte insieme ai bloggers richiedenti asilo e rifugiati accolti presso la “Maison des journalistes” di Parigi al coordinamento europeo dell’Iniziativa dei Cittadini Europei per il Pluralismo dei Media per l’organizzazione transnazionale European Alternatives/Alternative Europee, in seno alla quale ha rivestito cariche direttive e contribuito a fondare alcune delle sedi del sud Europa, tra cui quella italiana.
Sempre in tale direzione di impegno, ha gestito le relazioni internazionali della campagna italiana “LasciateCIEntrare”, coalizione della società civile nata per richiedere l’accesso dei giornalisti e dei rappresentanti delle organizzazioni non governative ai centri di detenzione per migranti, ed è stata uno dei membri del comitato direttivo della campagna transnazionale triennale “Open Access Now”, lanciata a Parigi nel 2011 per perseguire gli stessi obiettivi in tutta l’area euro-mediterranea.
Produce periodicamente analisi, report e articoli sugli strumenti di partecipazione della cittadinanza a livello europeo, le politiche migratorie e la libertà di stampa, oltre a cercare di dar voce a luoghi e avvenimenti delle periferie d’Europa e del mondo solitamente meno o poco congruamente rappresentati sui media tradizionali.
Dal 2009 al 2015 si è, inoltre, occupata di cooperazione universitaria a livello transnazionale, lavorando nell’ambito di organizzazioni non governative, poi come consulente presso l’Unione delle Università del Mediterraneo (UNIMED) su progetti specifici nell’ambito dei programmi europei TEMPUS e ENPI e come tutor per diversi percorsi di alta formazione tra cui il “Master of Laws (LL.M.) in International Crime and Justice” promosso da e svolto presso il Campus dello United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute (UNICRI) e “HOPE – Humanitarian Operations in Emergencies: Managing Projects, People, Administration & Logistic in the field” tenuto presso l’organizzazione italiana impegnata nella risposta alle emergenze umanitarie INTERSOS.
Dalla fine dell’anno 2015 potenzia ulteriormente il proprio impegno nell’ambito dell’alta formazione tenendo e coordinando corsi specialistici per enti pubblici e privati (tra cui il CSV Sodalis della Provincia di Salerno e la Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini) e diventando uno degli ambasciatori EPALE (Electronic Platform for Adult Learning in Europe) per conto dell’Agenzia Nazionale Italiana ERASMUS+ / INDIRE in qualità di “Esperta in materia di educazione degli adulti coinvolta nelle attività di valorizzazione e implementazione della piattaforma elettronica EPALE” creata dalla Commissione europea, supervisionata dall’Agenzia Nazionale INDIRE e finanziata nell’ambito del programma ERASMUS+ per promuovere la partecipazione degli adulti a iniziative di formazione lungo tutto l’arco della vita e la valorizzazione dell’educazione permanente. Nel 2015 vince, inoltre un concorso pubblico per l’apertura e il coordinamento della rete “InformaGiovani8+” prendendo successivamente servizio presso il Comune capofila di Capranica (VT), nel cuore della Tuscia e lungo il percorso della Via Francigena, seguendo gli otto comuni della Provincia di Viterbo (Barbarano Romano, Bassano Romano, Blera, Capranica, Caprarola, Oriolo Romano, Ronciglione e Sutri) pionieri nella promozione di un percorso integrato che vede le politiche giovanili al centro dei piani di sviluppo territoriale da e con i giovani in ottica integrata e transnazionale.

Cristiano Maugeri

Cristiano Maugeri conta con oltre 10 anni di esperienza nel settore della cooperazione internazionale.
È laureato in Economia presso l’Università di Bologna, con un Master in Relazioni Internazionali (Università di Bologna, sede di Buenos Aires).
È PhD candidate presso l’Università Pablo de Olavide di Siviglia (cattedra cittadinanza, diritti umani e sviluppo) con un progetto di ricerca basato sul processo di restituzione delle terre in Colombia.
International Project Manager dal 2009, ha redatto e gestito progetti basati sulle principali tematiche dello sviluppo (educazione; riforma della pubblica amministrazione; decentralizzazione; infrastrutture; diritti umani; sviluppo del settore privato e delle PMI) e finanziati, tra gli altri, con fondi UE, Banca Mondiale, Inter American Development Bank (IDB).
Consulente indipendente dal 2012, si occupa, in questa veste, di accompagnare organizzazioni di diverso tipo e natura (aziende private, ONG, centri di ricerca e università) nel mondo dei finanziamenti internazionali, fornendo supporto su diversi livelli: dal profiling aziendale fino alla presentazione del progetto, passando per la formazione interna, formulazione del progetto, costruzione del consorzio internazionale etc.
Ha lavorato in partenariato con organizzazioni internazionali (International Management Group), ONG (CISP Sviluppo dei Popoli, Sudgest Aid, Cestas; Instituto Mayor Campesino IMCA); società private (Ars Progetti; Agroqualità; Dinamica; Euradia); fondazioni e centri di ricerca (Fondazione Link Campus University; Vortex fundation).
Formatore dal 2012, ha collaborato alla progettazione ed erogazione, tanto in aula quanto attraverso piattaforme multimediali, di corsi di formazione (inclusi moduli specifici all’interno di master e corsi di alta formazione).
Collabora con la Unión Iberoamericana de Municipalista nel disegno e fornitura di formazione destinata a funzionari della Pubblica Amministrazione di paesi dell’America Latina.
Tra novembre e dicembre 2015 ha collaborato, in qualità di consulente esperto di fondi strutturali associati, al piano di sviluppo rurale 2007-2013 per la regione Puglia.

Stefano Milia

Responsabile dell’area progetti del Consiglio italiano del Movimento Europeo e ivi Segretario generale aggiunto, ha esercitato in precedenza la funzione di coordinatore dell’area Informazione e comunicazione del Centro nazionale di informazione e documentazione europea (Cide) e di consulente del Ministro per le Politiche comunitarie. Già membro dell’Osservatorio sulla Convenzione europea e dell’Osservatorio per la cittadinanza europea della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Si è occupato principalmente di progetti di informazione e comunicazione inerenti l’Unione europea, rivolti alla “società civile organizzata” e ai giovani.
Coopera dal 2000 con il Governo italiano e le istituzioni europee su tematiche relative al rafforzamento della coscienza della cittadinanza dell’Unione nonché, in precedenza, con numerosi centri di ricerca. Ha organizzato e ha partecipato a convegni e seminari in Italia e all’estero.
Laureato in Scienze Politiche (Università degli Studi di Roma “La Sapienza”), ha compiuto studi di perfezionamento in diritto e politiche delle Comunità europee.
Autore di vari articoli sul processo di integrazione europea, è membro del Comitato di redazione della rivistaSemestreuropeo e in precedenza dei periodici 2004-Quaderni Europei, I quaderni europei di Thesmos” el’Europa vicina.

Maurizio Mosca

Esperto di genere e mercato del lavoro presso l’European Institute for Gender Equality (www.eige.europa.eu), Vilnius, Lituania. In tale contesto, coordina il lavoro sulle buone pratiche, metodi e strumenti, all’interno del piano di attività sul main-streaming di genere.
In qualità di ricercatore, si è occupato dei temi della parità, della formazione e del lavoro nel contesto nazionale ed europeo.

Andrea Pugliese

Sono nato a Genova e vivo a Roma, dove scrivo e lavoro come esperto di sviluppo locale, innovazione sociale e mercato del lavoro. Se le due facce sembrano guardare altrove, vi assicuro che nella narrativa è possibile trovare prova o criticità di molti degli aspetti del mondo reale specie in materia di lavoro e relazioni sociali.
Ho scoperto la potenza delle storie da bambino quando mio padre, che per lavoro passava lunghi periodi fuori casa, registrava le fiabe perché le ascoltassimo la sera prima di a dormire. La voce di ‘papà in cassetta’ evocava Rodari, i Grimm, Verne e Salgari, accompagnandomi verso sogni colorati e avventurosi.
Scrivo fin da ragazzo e pubblico dal 2005, da quando ho percepito come le mie storie non fossero solo ‘mie’, di come il mio punto di vista sul mondo toccasse gli altri, stuzzicando reazioni, accendendo discussioni e ritornandomi sempre arricchito.
Dello scrivere amo ogni fase: la scrittura, fin quando culmina e termina nel momento in cui alzo gli occhi dall’ultima parola; il giorno in cui il corriere ti porta la prima copia del libro; le presentazioni,
dove il testo non è più tuo e crea valore, conforto, a volte risate, altre anche la noia necessaria a guadagnarsi risposte, in chi ti concede la fiducia di leggerlo.
Una mia bibliografia essenziale:
• “Il Donatore”, narrativa 2015, Araba Fenice Libri
• “People from IKEA”, narrativa 2011, FBE Editore (3 edizioni)

Matteo Gazzarata

Matteo Gazzarata è laureato in Scienze Politiche e specializzato in Relazioni Internazionali. Da più di dieci anni si occupa di progetti europei ed ha collaborato con numerosi enti privati e pubblici in Piemonte e in Liguria per la stesura e la gestione di progetti, in particolare nell’ambito del programma Erasmus Plus ed i programmi precedenti, con una percentuale di approvazione del 95%. Ha maturato una specifica expertise in tema di dispositivi comunitari di trasparenza delle certificazioni ed ha preso parte a numerosi gruppi di lavoro sia in Italia che all’estero nell’ambito della implementazione di ECVET. É stato, inoltre, membro dell’ECVET team e rappresentante italiano ai seminari dello User’s group ECVET su mandato della agenzia nazionale Erasmus+ VET nel 2015. È, inoltre, valutatore di progetti KA2 settore HE per l’agenzia nazionale Erasmus Plus.

Luca Manenti

Luca Manenti è laureato in economia aziendale con specializzazione in marketing e organizzazione aziendale. Nel corso degli anni ha maturato una notevole esperienza nel settore bancario sia come dipendente che come libero professionista. Attualmente è consulente indipendente per imprese in ambito di pianificazione strategica, organizzazione, gestione e analisi del rischio. Si occupa, inoltre, di redazione di business plan e studi di fattibilità, servizi di tutoraggio per l’accesso al Microcredito e alla finanza agevolata.

 

Filippo Morici

Filippo Morici, laureato in Economia e Management Internazionale alla Luiss Guido Carli di Roma, lavora come manager di Marketing “tradizionale” presso alcuni brand di abbigliamento romani, per poi specializzarsi nel Marketing Digitale durante diverse esperienze lavorative a Londra. Durante la permanenza nel Regno Unito sviluppa una profonda conoscenza del campo digitale e delle potenzialità del Marketing Comportamentale applicato al mondo del web. Tornato in Italia, fonda una società di consulenza di Digital Marketing e di sviluppo Web.

Alberto Nico

Alberto Nico, laureato in Giurisprudenza ed iscritto all’ordine degli Avvocati di Bari. Nel 2015 consegue il titolo di Master in Europrogettazione e l’anno successivo, dopo un ulteriore percorso formativo presso l’Università degli Studi di Bari, acquisisce la certificazione di “Tecnico per la Pianificazione di Progetti Finanziati STA.601” in conformità alla norma ISO/IIEC 17024:2012. Dal 2014 è consulente nell’ambito dell’europrogettazione per imprese, studi legali e commerciali in Puglia.